filippo bombace architect

fog house

olgiata, roma (italy) - 2008

ph. : luigi filetici

Le nebbie mattutine ed i paesaggi dell’adiacente campo di golf ispirano le geometrie severe e nette di una villa quadrifamiliare alle porte di Roma, ritagliata per un committente desideroso di avvicinarsi ad un linguaggio contemporaneo, seppur con il rispetto dei materiali in uso nel luogo.

 

Le quattro unità si sfiorano secondo una geometria a croce, disegnando tipologie diverse per consistenza e affacci, seppur in una matrice materica e di linguaggio comune.

 

La copertura a falde trova una differente espressione nel verso girato delle falde stesse, rivolte verso l’interno del corpo di fabbrica, quasi a negarsi nella visione in prospetto, per poi rivelarsi però nell’accezione più consueta sul retro, a disegnare il portico con affaccio sulla piscina.

 

Camminamenti in legno conducono alle porte di accesso alle singole unità, costituendo così l’unico materiale estraneo alla palette, ristretta al solo mattone ed all’utilizzo della pietra serena.